È proprio di questo ultimo periodo la ripresa dei contatti con il Centro per le Famiglie del Comune di Bologna che si è rivolto a noi chiedendo il nostro aiuto a supporto di due famiglie molto ‘meritevoli’, ma con gravi difficoltà e situazioni abbastanza simili. Entrambe le famiglie hanno tre figli, il più grande, maggiorenne che si prodiga per potere raggiungere uno status che gli consenta di aiutare la famiglia (uno dei due ragazzi è riuscito ad entrare all’Istituto Biomedicale di Mirandola ottenendo una borsa di studio e l’altro sta frequentando gli ultimi anni all’Istituto professionale Aldini Valeriani di Bologna), in entrambe le famiglie il figlio medio frequenta la scuola media e ha importanti aspettative per il proprio futuro e il figlio più piccolo (che frequenta la scuola primaria) ha problemi di disabilità. In un caso è stato diagnosticato e certificato un ritardo cognitivo piuttosto importante (a breve il bambino dovrebbe cominciare un percorso con una neuropsicologa e una logopedista), mentre il bambino dell’altra famiglia è affetto da autismo. Quest’ultima è una situazione piuttosto particolare e drammatica. Si tratta di una famiglia peruviana che nel proprio paese stava economicamente bene, ma che ha deciso di abbandonare tutto e venire in Italia per aiutare e dare una chance proprio al figlio affetto da autismo. La famiglia sta affrontando tantissimi problemi, primo tra tutti quello di trovare un’abitazione presso la quale potere prendere la residenza ed ottenere così più facilmente il permesso di soggiorno, ma soprattutto ottenere l’assistenza medica, alla quale ancora non hanno diritto, che permetterebbe di certificare l’autismo del figlio ed avere così il sostegno scolastico e domiciliare con educatori professionali. 
Abbiamo deciso di sostenere queste due famiglie e come potete ben immaginare abbiamo bisogno del vostro aiuto. Ci stiamo già muovendo nella ricerca di educatori per il bimbo peruviano, ma dobbiamo muoverci nell’area privata in quanto non avendo loro l’assistenza sanitaria non hanno diritto a nulla e come potete immaginare tutto ciò ha un costo piuttosto elevato. Per questo rivolgiamo a tutti voi l’appello:  AIUTATECI AD AIUTARE!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...